in

I grandi amori della nostra vita

Dicono che durante la nostra vita abbiamo due grandi amori.

“Uno con il quale ti sposerai o vivrai per sempre, può essere il padre o la madre dei tuoi figli: con questa persona otterrai la massima comprensione per stare il resto della tua vita insieme.

E dicono che c’è un secondo grande amore, una persona che perderai per sempre. Qualcuno con cui sei nato collegato, così collegato, che le forze della chimica scappano dalla ragione e ti impediranno sempre di raggiungere un finale felice.

Fino a che un giorno smetterai di provarci, ti arrenderai e cercherai un’altra persona che finirai per incontrare. Tuttavia, ti assicuro che non passerà una sola notte senza aver bisogno di un altro suo bacio o anche di discutere una volta in più.

Tutti sanno di chi sto parlando, perché mentre stai leggendo queste righe, il suo nome ti è venuto in mente. Ti libererai di lui o di lei e smetterai di soffrire, finirai per incontrare la pace, però ti assicuro che non passerà un giorno in cui non desidererai che sia qui per disturbarti.

Perché a volte si libera più energia discutendo con chi ami, che facendo l’amore con qualcuno che apprezzi”.Paulo Coelho

Se non penserò all’amore, non sarò niente Paulo Coelho

Il mio obiettivo è comprendere l’amore. So che ero viva quando ho amato e so che tutto ciò che possiedo ora, per quanto possa sembrare interessante, non mi entusiasma. Vedo che coloro che hanno toccato la mia anima non sono riusciti a risvegliare il mio corpo e coloro che hanno accarezzato il mio corpo non sono stati in grado di raggiungere la mia anima.
Se cerco l’amore vero prima devono venirmi a noia gli amori mediocri che ho incontrato.
Sembra che l’amore mi stia rifuggendo, come se non contasse più per me, e non si sentisse il benvenuto. Ma, se non penserò all’amore non sarò niente. Sento il bisogno di scrivere sull’amore. Sento il bisogno di pensare, pensare, scrivere e scrivere sull’amore – altrimenti la mia anima non resisterà.
Per tutta la vita ho concepito l’amore come una sorta di schiavitù accettata. È una menzogna: la libertà esiste solo quando è presente l’amore. Chi si abbandona totalmente, chi si sente libero, ama al grado estremo. E chi ama al grado estremo si sente libero. Io mi sono sentita ferita quando ho perduto gli uomini dei quali mi ero innamorata. Oggi sono convita che non si perde nessuno, visto che non si possiede nessuno. Questa è l’autentica esperienza della libertà: avere la cosa più importante del mondo senza possederla.
L’amore non sta nell’altro ma dentro noi stessi. Siamo noi che lo risvegliamo. Ma perché ciò accada c’è bisogno dell’altro. L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le emozioni.
La passione ti fa smettere di mangiare, di dormire, di lavorare, di vivere in pace. Molti si spaventano perché quando compare distrugge tutto ciò che di vecchio incontra. Sottrarsi alla passione o abbandonarsi ad essa: quale di questi atteggiamenti è il meno distruttivo? Non lo so.
L’inevitabile si manifesterà, ciò che è autentico troverà sempre una maniera di mostrarsi.

Paulo Coelho, Undici minuti

Ho incontrato un uomo e mi sono innamorata di lui. Ho lasciato che mi innamorassi per una semplice ragione: non mi aspetto nulla. Mi basta amarlo, stare con lui nel pensiero e colorare questa bella città con i suoi passi, le sue parole, il suo affetto. Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prima che i corpi si vedano. Tutti sanno amare poiché nascono con questo dono. Molti praticano l’amore naturalmente ma la maggioranza deve apprendere di nuovo, ricordare come si ama; e tutti – senza alcuna eccezione – hanno bisogno di bruciare nel fuoco delle proprie emozioni passate, di rivivere gioie e dolori, cadute e riprese, fino al momento in cui sono in grado di intravedere il filo conduttore che esiste dietro ogni nuovo incontro. Sì, perché c’è un filo. Allora i corpi imparano a parlare il linguaggio dell’anima, e questo si chiama “sesso”.

Io sono due donne: una desidera sperimentare tutte le gioie, tutte le passioni, tutte le avventure che la vita può dare; l’altra vuole essere schiava della routine, della vita familiare, delle cose che si possono pianificare e raggiungere. Io sono la prostituta e la casalinga, che vivono nello stesso corpo e lottano l’una contro l’altra.
Chi ama non ha bisogno dell’atto sessuale per sentirsi felice. Ogni cosa è importante. Una persona che vive intensamente la propria vita gode di ogni attimo e non sente la mancanza del sesso.
Voglio dimenticare, ho bisogno di amare – solo questo, ho bisogno di amare. La vita è troppo breve, eppure troppo lunga perché io possa concedermi il lusso di viverla così male.
Quanto più lontani stanno, tanto più vicini al cuore sono i sentimenti che cerchiamo di soffocare e dimenticare.
Forse ci innamoriamo sempre quando ci troviamo a guardare l’uomo dei nostri sogni per la prima volta, anche se in quell’attimo la ragione ci dice che stiamo sbagliando, e noi cominciamo a lottare, senza voler realmente vincere, contro questo istinto. Fino a quando arriva il momento in cui ci lasciamo sopraffare dall’emozione.
L’arte dell’amore è come l’arte della pittura: richiede tempo, pazienza e soprattutto inventiva tra gli amanti. Ed esige anche audacia: bisogna andare al di là di ciò che si è convenzionalmente definito con l’espressione “fare l’amore”.
Tutta le determinazione e la volontà del mondo non bastano per impedire all’amore di cambiare le regole del gioco in un attimo.

A volte questi 2 tipi di amore coincidono. Altre volte invece li viviamo separatamente, cosa che occasionalmente ci fa ripensare con malinconia al passato. Entrambi questi amore sono necessari e imprescindibili, e dobbiamo essere grati della possibilità di provarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La leggenda del filo rosso

Potete mettere da parte l’orgoglio, non la dignità