in

Le corazze si rompono accarezzando l’anima

Le corazze sono il simbolo delle persone che hanno sofferto molto. La protezione che scelgono per fermare il proprio logoramento, evitare di soffrire di nuovo e finire per rompersi. Sono il loro meccanismo di sicurezza, il loro salvagente momentaneo e il loro modo di dire in silenzio al mondo “Basta”.

Vivere con una corazza non è affatto semplice perché dietro di essa si nasconde la paura di essere feriti. Una delle paure più paralizzanti che una persona possa provare e che può indurre a ergere muri, a detenere il proprio cuore. Ma a volte, la forza delle circostanze non lascia altre opzioni ai più sensibili e vulnerabili. La vita affatica e prosciuga fino a al punto di preferire di proteggersi o smettere di provare tutto quello che ci offre, invece di sperimentare il dolore delle sue ferite.

“Non ci sono dubbi, la tua corazza ti protegge dalle persone che vogliono distruggerti. Eppure, se non la togli mai, ti isolerà anche dall’unica persona che potrà mai amarti.”

-Richard Bach-

Il logoramento causato dalla sofferenza

La vita non è un percorso che ci garantisce la felicità. L’incertezza, l’instabilità e la sofferenza sono condizioni proprie del suo percorso e le affronteremo meglio se riusciremo ad anticiparle e a prepararci. Nessuno è immune alla sofferenza, per questo motivo è essenziale imparare a gestirla, altrimenti l’oscurità potrà divorarci.

Vivere vuol dire affrontare i rischi, accettare che non sempre tutto andrà come desideriamo, abbracciare i momenti di felicità, ma anche accettare che la sofferenza busserà alla nostra porta ogni tanto e ci metterà alla prova.
Gestire i colpi e cicatrizzare le ferite non è un compito facile, non possiamo sempre contare sul sostegno, sugli strumenti o sulle strategie migliore e, seppur così, a volte non sappiamo utilizzarli. Alcune persone affrontano meglio le delusioni o gli imprevisti; altre permettono che questi prendano il sopravvento sul proprio stato d’animo e, infine, c’è chi decide di proteggersi  per mettere un limite alla sofferenza. Il metodo utilizzato influirà in un modo o nell’altro sul loro quotidiano.Tuttavia, indipendentemente dal nostro modo di affrontare la sofferenza, quando questa decide di rimanere al nostro fianco, genera una serie di conseguenze fisiche ed emotive. Da un lato, ci intrappola nella sua riluttanza, in questa mancanza assoluta di motivazione e piacere (anedonia), che se non teniamo sotto controllo può cambiare il nostro ritmo di vita fino a condurci alla depressione o all’ansia. Dall’altro, ci prosciuga a livello fisico, ci rende stanchi, ci fa esaurire tutta l’energia che abbiamo. Ad elevati livelli diminuisce la secrezione di serotonina e aumenta la quantità di cortisolo.

Le corazze e la loro falsa protezione

Ciascuno di noi ha la propria corazza, il proprio meccanismo di difesa, il proprio scudo personale per proteggersi dal dolore. È normale. In un modo o nell’altro, dobbiamo proteggere la nostra parte più delicata e farci forza di fronte alle possibili minacce e ai contrattempi.

Il problema sorge quando queste corazze vengono generate senza mai essere distrutte. Vale a dire, quando prendono il controllo delle nostre vite e finiscono per trasformarsi in un filtro conservatore attraverso il quale osservare il mondo. Muri che si alzano e ci isolano, non solo più dalla sofferenza e dall’incertezza, ma anche dall’affetto e da qualsiasi tipo di esperienza sociale.

Nel tentativo di proteggerci, finiamo per distruggerci in modo tale da bloccarci a livello emotivo. Non provare nulla per non soffrire è una strategia errata che ripetiamo perché in un determinato momento ha garantito la nostra sopravvivenza. Attenzione, dunque, perché quando la utilizziamo paghiamo un caro prezzo: rimanere vuoti dentro. È quella nota scritta in un carattere più piccolo nel contratto che non sempre leggiamo o che non sempre teniamo in considerazione prima di iniziare a costruire le barriere.

Questo vuoto si traduce nell’assenza di emozioni, di quella capacità di sentirsi vivi e connettere. Non è raro, pertanto, che in breve finiamo per essere sopraffatti da quello che tanto temevano: la sofferenza. Perché chi ha detto che non sentire nulla ci allontana dal rischio di vivere male?

Le corazze sono trappole incoscienti, travestite da sentimenti di protezione e sicurezza, che ci legano al malessere. Di conseguenza, è molto importante riconoscere e riflettere sui nostri meccanismi di difesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi impegno a darti amore

Il passato è passato