in

La sensazione di pace che indica che avete fatto la scelta giusta

La sensazione di pace che sentite in questo momento indica che avete fatto la scelta giusta. Forse qualcuno la troverà una scelta poco azzeccata, altri poco logica. Di fatto, forse non è stata neppure la scelta migliore. Tuttavia, è chiaro che è quella che vi ha reso felici, che vi ha permesso di coniugare i vostri valori, i vostri sentimenti, il vostro Io…

Sigmund Freud diceva che prendere una decisione è come montare su un cavallo da corsa. L’animale rappresenta il nostro lato emotivo, istintivo, quasi sfrenato. D’altra parte, il cavallerizzo è colui che ha in mano le redini della ragione, colui che guida, che frena e orienta il cavallo. Ebbene, nella maggior parte dei casi, quando arriva il momento di prendere una decisione, vince la parte di noi legata all’affascinante mondo delle emozioni. È quello il terreno sul quale ogni giorno hanno luogo decine e decine di corse…

Voi non siete la scelta di nessuno. Voi siete la priorità di voi stessi; per questo, quando è tempo di prendere una decisione, ascoltate il vostro cuore. Perché non esiste la strada giusta, esiste la strada che vi rende felici.

La vita è una continua scelta, passiamo la maggior parte del nostro tempo dedicandoci all’arte di prendere decisioni: caffè o tè, ascensore o scale, telefonargli/le o non telefonargli/le, prendere il treno o lasciare che passi… Decidere, talvolta, comporta le stesse identiche sensazioni di un salto nel vuoto. Una cosa è certa, occorre armarsi di grandi dosi di coraggio e responsabilità.

Vi invitiamo a riflettere su questo

Non esiste una scelta corretta: esiste la volontà di essere felici

Henry James ha scritto un eccezionale racconto intitolato “L’angolo allegro”, nel quale presenta il personaggio di Spencer Brydon, un giovane che dopo aver ottenuto il successo e la fortuna negli Stati Uniti torna nella sua casa natale in Inghilterra.

Nella solitudine della sua casa ormai vuota, si domanda se abbia fatto bene, se la decisione di lasciare le sue radici e la sua famiglia sia stata la scelta corretta. Nel bel mezzo del suo dubbio esistenziale, d’improvviso spunta il suo alter ego, quell’altro “io” che gli rivela, poco a poco, cosa ne sarebbe stato di lui qualora avesse scelto di restare.

Il dubbio relativo all’aver preso o meno la giusta decisione ci accompagna per tutta la vita. Ebbene, proprio come ci insegna Henry James nel suo racconto, prendere una decisione fa parte di un processo che parte innanzitutto dal cuore, ma che è destinato a lasciar spazio alla responsabilità. Dalle emozioni si passa dunque alla ragione, spinti, soprattutto, dalla necessità di diventare gli artefici del proprio cammino.

Non sempre esistono scelte giuste o sbagliate, e ancor meno strade illuminate a giorno dalla luce della felicità. La decisione più saggia sarà sempre quella che ci darà la pace, quella che andrà a braccetto con la nostra coscienza e che, a sua volta, ci inciterà a continuare a prendere decisioni coerenti con la nostra essenza.

L’arte di prendere decisioni che partano dal cuore

Già sappiamo che quando arriva il momento di prendere una decisione le emozioni si trasformano in punti luminosi in mezzo ad un oceano di dubbi. Ebbene, vi farà piacere sapere che la struttura cerebrale che irradia più luce durante questo processo è l’amigdala.

Un desiderio non cambia nulla, ma una decisione dà inizio ad ogni cosa.
Condividere

Il corpo amigdaloideo gestisce centinaia di connessioni in tutto il cervello e consiste in una struttura raffinata e affascinante che funge da sentinella in grado di valutare ogni stimolo, ogni pensiero, ogni esperienza o avvenimento cosciente o incosciente. Dopo aver analizzato un impulso, l’amigdala emette un giudizio, una decisione che più tardi verrà analizzata minuziosamente dalla nostra corteccia frontale.

Considerando che molte delle nostre decisioni vengono prese seguendo la via delle emozioni, scopriamo ora insieme come fare affinché queste siano un po’ più sagge, azzeccate e responsabili.

Le chiavi per prendere le giuste decisioni

Per essere felici, occorre prendere le decisioni e saper superare il confine con la paura. Non è per niente semplice farlo, lo sappiamo, perché decidere implica anche lasciarsi molte cose alle spalle.

  • Quando il nostro cuore ci incita a fare quel passo, ma sopraggiunge la paura, bisogna razionalizzare quel timore e comprenderlo. Passare dall’emozione alla ragione, poiché soltanto la logica e il pensiero cosciente possono spingerci, con coraggio, ad abbattere le mura della paura.
  • Quando le vostre emozioni vi portano a prendere un determinato cammino, domandatevi se state agendo in modo realistico. È una domanda che va fatta a se stessi e a nessun altro. Se vi sembra fattibile, se vi rende felice ed è una cosa possibile, non permettete a niente e a nessuno di fermarvi.
  • Accettate la possibilità di fallire. Accettate e interiorizzate la possibilità che le cose non vadano per il verso giusto, ma cercate di comprendere che, al tempo stesso, per trovare la strada per la felicità non basta una sola opzione. Si tratta solo di una porta che vi mostrerà molti altri cammini.

L’arte di essere felici sta nel saper decidere ogni giorno con coerenza e ascoltando il proprio cuore, accettando gli errori di percorso e andando alla scoperta dei propri sentieri vitali, della propria pace interiore.

La mente è meravigliosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’amore è più che un abbaglio

La vita cambia quando si smette di aspettare