in

L’amore è la medicina migliore per i cuori feriti

L’amore è il sentimento più profondo, intenso ed espansivo che possiamo provare nella vita di tutti i giorni. Milioni di persone in tutte le parti del mondo si innamorano. L’amore aiuta a guarire le ferite emotive, ci conforta quando qualcuno ci ha ferito e il nostro cuore ne è rimasto scottato.

Non necessariamente si tratta di amore di coppia, parliamo dell’amore in tutte le sue manifestazioni: amor proprio, amore materno o paterno, amore tra amici, ecc. La sensazione di essere riconosciuti e accettati dagli altri ci aiuta a ricostruire il nostro cuore e a non sentirci soli dopo essere stati feriti.

Nasciamo soli, viviamo soli, moriamo soli. Solo attraverso i nostri amori e l’amicizia si può creare l’illusione, per un momento, di non essere soli.

Orson Welles

Un’autostima solida può aiutarci a guarire più facilmente quando ci feriscono e ci spezzano il cuore. L’amor proprio è una buona medicina per i momenti in cui vediamo solo ostacoli nel nostro cammino e vogliamo risanare il nostro cuore ferito. Prenderci cura di noi stessi, invece di torturarci, è una buona ricetta per stare meglio quando gli altri ci tradiscono.

Che cos’è l’amore e a cosa serve?

Quando parliamo d’amore, non ci riferiamo solo all’amore romantico, ma a tutte le sfumature di questo sentimento. L’amore invita a socializzare e amplia la capacità di relazionarsi. Di solito regala una sensazione piacevole e di benessere nei confronti degli altri. È un sentimento potente che ci aiuta a stabilire profonde connessioni con le persone che per noi sono importanti.

Uno degli scopi della vita umana, chiunque sia a controllarla, è amare tutti coloro che sono a portata di amore.

Kurt Vonnegut

L’amore ci permette di sviluppare l’empatia, la tolleranza e la compassione ad un livello più puro. È un’emozione che ci fa sentire talmente bene da assomigliare ad una droga, perché quando finisce, ovviamente ne vogliamo ancora. Secondo la neuroscienza, l’amore è una reazione psicofisiologica attivata dal corpo rilasciando neurotrasmettitori a livello cerebrale, come l’ossitocina, la vasopressina o la dopamina.

Questi ormoni aiutano a sviluppare sensazioni di piacere, euforia, soddisfazione e appagamento. A livello cerebrale, si attivano specifiche aree del cervello che rafforzano i legami, favorendo determinati comportamenti a livello sociale ed emotivo con le persone che ci circondano.

I cuori spezzati possono essere riparati

Capita a tutti di avere il cuore spezzato. Magari a causa di un partner che ci ha traditi oppure dell’amico del cuore che ci ha deluso. L’emozione predominante è la tristezza, come se fossimo stati svuotati e sentissimo il nostro cuore rompersi in mille pezzi, assieme alla colonna vertebrale del nostro equilibrio emotivo.

Immaginate che il vostro più caro amico smetta di farsi sentire perché ha conosciuto una persona e non ha più tempo per voi. Come vi sentireste? Di sicuro traditi e feriti, incapaci di comprendere i motivi delle sue azioni. Nonostante il dolore causato dal disamore, è possibile ricostruire un cuore spezzato, come la fenice che rinasce dalle sue ceneri.

Amare non è solamente “amare bene”, è soprattutto comprendere.
Françoise Sagan

Il cuore è in grado di rinascere più forte dalle avversità. Questa caratteristica si chiama resilienza, la capacità che abbiamo di adattarci in maniera positiva alle circostanze difficili in cui ci imbattiamo. Non importa se la vita ci riserva dei brutti scherzi, possiamo trarre una lezione anche dalle esperienze dolorose. Bisogna solo vedere tutto da una prospettiva diversa.

L’amor proprio è il filo che ricuce la ferita

L’amor proprio è la base da cui ha inizio la nostra guarigione dopo la fine di una relazione importante. In questo senso, la capacità di accettare noi stessi, con i nostri difetti e i nostri pregi, ci permette di essere più gentili e compassionevoli verso noi stessi e verso gli altri.

Ad esempio, immaginate di accettarvi per quello che siete, vi sentite a vostro agio con il vostro aspetto fisico e con la vostra interiorità. In questo modo, sarà più semplice affrontare una rottura amorosa. Questo non cancella il dolore della perdita, che proviamo tutti quando una persona se ne va o una situazione finisce. Almeno, però, avrete la forza necessaria per ricostruire il vostro cuore ferito una volta che si sarà attenuato il dolore.

Dire addio a ciò che ormai non fa più parte della nostra vita spesso è difficile perché ci causa dolore e tristezza. Queste emozioni possono darci l’impressione sbagliata e farci credere che il cuore si sia ormai spezzato per sempre. Tuttavia, se ci facciamo coraggio e affrontiamo questo dolore, rimarranno le cicatrici, questo è vero, ma le ferite del cuore si cicatrizzeranno.

Solo le persone coraggiose chiedono aiuto

Non bisogna sentirsi inferiori se si ha bisogno di aiuto perché è la cosa più normale al mondo. Quando affrontiamo un dolore, abbiamo bisogno del conforto delle persone a noi più care. Quindi, parlate con chi vi sta accanto e fatevi aiutare. Le persone che vi vogliono bene possono aiutarvi a ricostruire la vostra storia, così che possiate definitivamente chiudere un capitolo per cominciarne un altro.

Siete più forti quando condividete il vostro dolore con gli altri. Esprimere le vostre ferite riempirà il vostro cuore di cicatrici piene di orgoglio che sembrano dire: “Ho affrontato una situazione difficile e sono riuscito a superarla”. Alcune volte per arrivare a questo punto forse sarà necessario chiedere aiuto ad uno psicologo per cambiare la propria prospettiva di vita.

In definitiva, il disamore e il cuore ferito si possono curare con l’amor proprio e con l’affetto delle persone più care e importanti. Il vostro cuore alla fine tornerà come nuovo e voi sarete più forti. Cari lettori, accettate il dolore affinché la tristezza possa lasciare posto alla speranza. Vi servirà tempo, certo, e con il tempo capirete che dovete concedere una seconda possibilità a voi stessi e agli altri.

La mente è meravigliosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’amore finisce: cosa fare?

L’estate in cui imparammo a volare