in

Il mio partner vuole chiudere il nostro rapporto, ma io non voglio

Se vi è capitato di pensare:”Il mio partner vuole chiudere il nostro rapporto, ma io non voglio”, è bene che sappiate come agire. Quando in una relazione d’amore sono più i momenti di delusione che non quelli di felicità, è il momento di farsi da parte.

Vi capita di piangere? Mangiate poco o non mangiate affatto? Non siete concentrati? Vi capita di pensare: “Cosa faccio se il mio partner vuole chiudere la nostra relazione, ma io no?”. A volte ci ostiniamo a non accettare il fatto che sia arrivato il momento di dire addio alla persona che amiamo.

Oggigiorno le coppie non durano a lungo come un tempo; la società è cambiata e, di conseguenza, anche le relazioni.

Nonostante i momenti di difficoltà che una coppia si trovava ad affrontare, un tempo si faceva l’impossibile per rimanere insieme e si prendeva alla lettera la promessa:”Finché morte non ci separi”.

Oggi, invece, siamo più indipendenti, quindi molto spesso uno dei due partner decide di chiudere la relazione.

Quando l’amore non è più corrisposto, capita di trovarsi in una situazione difficile. Tendiamo a pensare molto al passato, a possibili soluzioni, a come vivere la vita senza il nostro partner e a pensare:” Cosa faccio se il mio partner vuole lasciarmi?”.

Il mio partner vuole chiudere il nostro rapporto: segnali

La persona che amate non è felice al vostro fianco? Vi diamo sei indizi che potrebbero indicare la volontà del vostro partner di chiudere il rapporto, anche se non ve lo dice.

  1. Non vi cerca più. Ovvero, non mostra interesse nel voler trascorrere del tempo in vostra compagnia, non è presente o inventa qualunque scusa per sfuggire a impegni che implichino lo stare insieme a voi.
  2. Cambiamenti nella comunicazione. Cioè le conversazioni non sono piacevoli, spesso si dimostra infastidito quando gli raccontate cosa vi succede e i vostri dialoghi si limitano a “buongiorno” e “buona sera”.
  3. Discute in continuazione: ogni momento è buono per dimostrarsi conflittuale e per mostrare disprezzo.
  4. Parla di cambiamenti. Se vi racconta di progetti che implicano distanza fisica, escludendovi dai suoi piani, non vuole stare con voi.
  5. Vi dice “ti amo” sempre più di rado. Le espressioni d’amore sono sparite dalle vostre conversazioni e non spuntano nemmeno in risposta alle vostre parole d’affetto.
  6. Fate meno sesso. Ovvero, a poco a poco è diventato noioso e notate che si forza a farlo, quasi per mantenere un impegno, ma non c’è più la fantasia che c’era un tempo, ogni volta che facevate l’amore.

Cosa fare?

Quando proviamo ancora amore, è normale sentirsi spaventati nel pensare che il nostro partner vuole lasciarci. Ci viene difficile dire addio alla persona di cui siamo innamorati.

Non date la colpa a voi stessi

Quando qualcuno vuole lasciare il proprio compagno o la propria compagna, la colpa non è mai solo dell’altra persona. Possono esserci molti motivi. Colpevolizzarsi non fa altro che aumentare lo stress e la tristezza a causa di questa decisione.

Non lanciatevi in pronostici negativi

Di solito, quando una relazione finisce, proviamo angoscia al solo pensiero di non poter vivere senza il nostro partner. Non c’è modo di predire il futuro. In effetti, ad esempio, ci sono legami che crescono lasciandosi.

Cercate la felicità

Chiudere un rapporto può essere l’inizio di un nuovo capitolo, magari anche più ricco di soddisfazioni.

Concentratevi su ciò che vi rende felici: potreste anche riprendere tra le mani un progetto che avevate accantonato in favore del vostro rapporto amoroso.

Non diventate per l’ex una spalla su cui piangere

Anche se pensate che il vostro partner stia solo attraversando un periodo di crisi esistenziale, e che magari ha solo bisogno di un po’ di tempo, non siete la persona giusta per risolvere il problema. Non è produttivo ascoltare ogni dettaglio della sua crisi o raccontargli il vostro dolore emotivo.

Non inseguitelo

Ogni essere umano ha diritto alla propria libertà e a stare con chi ama, senza pressioni. Il vostro partner non è l’eccezione alla regola, e mettergli pressione non farà altro che allontanarlo.

Quando è il momento di dirsi addio

Dovete essere consapevoli del fatto che nessuna coppia ha la certezza di rimanere insieme per sempre e nessuno può dire il contrario. Molto meglio dirsi addio che aggrapparsi a un sentimento che ormai non ha motivo di esistere.

Sebbene all’inizio si sperimenti bassa autostima, un senso di vuoto, di disperazione, di scoraggiamento e di insicurezza, con il passare del tempo, l’assenza dell’altra persona si farà più tollerabile e la vita tornerà alla normalità.

Lasciate che il tempo curi le ferite emotive, siate grati per quello che avete vissuto e apritevi a nuove esperienze.

Come abbiamo detto, se vi capita di pensare: “il mio partner vuole lasciarmi”, ricordate che ha tutto il diritto di lasciarvi, e anche di smettere di amarvi.

Non possiamo aggrapparci al passato: se la storia che avete costruito insieme è finita, la cosa migliore da fare è lasciarsi.

Sebbene all’inizio si sperimenti bassa autostima, un senso di vuoto, di disperazione, di scoraggiamento e di insicurezza, con il passare del tempo, l’assenza dell’altra persona si farà più tollerabile e la vita tornerà alla normalità.

Lasciate che il tempo curi le ferite emotive, siate grati per quello che avete vissuto e apritevi a nuove esperienze.

Come abbiamo detto, se vi capita di pensare: “il mio partner vuole lasciarmi”, ricordate che ha tutto il diritto di lasciarvi, e anche di smettere di amarvi.

Non possiamo aggrapparci al passato: se la storia che avete costruito insieme è finita, la cosa migliore da fare è lasciarsi.

Vivere più sani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smettere di parlare a qualcuno come punizione

Mancanza di fiducia nella coppia: come superarla?